Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Come gestire al meglio il tuo profilo Instagram

Vuoi imparare a usare Instagram per promuovere te stesso o il tuo brand?

Ecco alcuni consigli utili per gestire al meglio il tuo profilo Instagram.

Come posizionarsi al meglio nella propria nicchia di riferimento e attrarre ogni giorno nuovi clienti

Oggi Instagram raggiunge 1 miliardo di utenti attivi al mese: ogni giorno accedono alla piattaforma 500 milioni di persone.

6 adulti su 10 utilizzano questo social. Ogni giorno gli utenti attivi postano 100 milioni di fotografie e ricevono 4,2 milioni di like.

Si verificano quindi milioni e milioni di interazioni quotidiane.

Instagram ha infatti un tasso di engagement in assoluto più elevato rispetto a tutti gli altri social: coinvolge maggiormente il pubblico e ti permette di mostrare i tuoi contenuti a molte più persone.

Pubblicare contenuti non è ovviamente sufficiente per crescere su Instagram.

Quello che fa la differenza è come lo fai!

Posizionamento

Un posizionamento di successo è alla base di un profilo.

Senza, la creazione dei contenuti diventa impossibile.

Senza, attirerai persone non targetizzate e quindi non realmente interessate a te e a quello che fai.

Con un corretto posizionamento invece riesci a comunicare efficacemente il tuo obiettivo. Hai sempre idee di contenuto estremamente interessanti (e utili per il pubblico) e attiri persone in target che inizieranno a seguirti.

Creare contenuti

Creare contenuti su Instagram è alla base di ogni profilo, però devi capire il come.

Ti permette di ottenere un piano di azione. Inizi a dare vita alla tua presenza su Instagram.

Se lo fai nel modo giusto, riesci a creare contenuti interessanti e catturi l’attenzione. Riesci a crescere grazie al potere della condivisione. Trasformi un’idea in qualcosa di molto più concreto.

Crescere

Senza questo step il nostro business o la nostra idea rimarranno a un punto stagnante.

Senza, perderemo gli stimoli nel tempo perché non riceveremo gratificazione. Senza, non possiamo continuare a monetizzare in quanto il nostro pubblico resterà sempre uguale.

Se cresce la tua community, il tuo business crescerà. Se cresci avrai sempre più stimoli, per migliorare e implementare. Se cresci puoi creare una “macchina” della visibilità automatica.

Monetizzare

Senza monetizzazione non trasformeremo mai la nostra passione in un business. Senza monetizzazione, prima o poi, lasceremo perdere per mancanza di tempo. Con la monetizzazione possiamo migliorare e crescere più velocemente.

Al contrario, con la monetizzazione espandi il tuo valore aiutando gli altri. Riesci a dedicarti a tempo pieno al tuo progetto. Puoi vivere facendo quello che ti piace davvero e che ti rende felice.

Photo by Deeksha Pahariya on Unsplash

Per attivare e completare queste quattro fasi però abbiamo bisogno di un motore: il mindset.

Con il giusto mindset, smetterai di piangerti addosso per un post andato male.

Riuscirai a focalizzarti su quello che conta davvero e che ti permetterà di raggiungere i tuoi obiettivi.

Riuscirai a comprendere che anche tu come tutti gli altri hai le carte in regola per creare un tuo progetto che sia unico.

Sarai costante e intraprendente, diventerai inarrestabile.

Quello di cui hai bisogno è una crescita costante nel tempo.

Come? Attraverso questi step:

  • Scegli un tema vincente per la tua pagina.
  • Seleziona una nicchia di riferimento.
  • Ottimizza il tuo profilo.
  • Scegli contenuti interessanti.
  • Fai crescere più velocemente il tuo account.
  • Crea un tuo prodotto.
  • Monetizza con successo il tuo profilo Instagram.

Ripartiamo quindi dalla prima fase: posiziona.

In questa fase: fai brainstorming delle idee e scegli la migliore. Definisci la tua nicchia con successo per avere una linea guida.

Se non lo fai: la tua pagina non attirerà mai follower in target. Rimarrai sempre ferm* al punto di partenza. Perderai un sacco di tempo anche nella creazione dei contenuti.



A questo punto è importante definire che cosa significhi “nicchia” e quindi fare un passo indietro e definire che cosa sia il mercato.

Il mercato è un argomento che può racchiudere al suo interno tanti altri micro-argomenti specifici.

Un esempio di mercato è lo yoga, la nicchia potrebbe essere “yoga per donne in menopausa che vogliono risolvere il problema del mal di schiena”.

Quindi per prima cosa devi definire il tuo mercato di riferimento e individuare poi la tua nicchia specifica.

Come identificare la tua nicchia?

Facciamo un gioco: prendi un foglio di carta e disegna tre cerchi che si intersecano nello stesso punto.

Scrivi nel primo le tue esperienze di vita, nel secondo i tuoi percorsi di formazione e nel terzo le tue passioni.

Quello che emergerà da questi tre cerchi è il tuo possibile mercato.

La tua nicchia, in questo possibile mercato, la troverai rispondendo a queste domande:

  • cosa,
  • per chi,
  • che problema risolvo.

Quindi prendi un altro foglio e dividilo in 3 colonne verticali, scrivi una domanda per ogni colonna e sotto le tue risposte.

Grazie alle risposte potrai individuare la tua nicchia di riferimento!

Solo dopo aver individuato la tua nicchia di riferimento potrai ottimizzare il tuo account di Instagram!

Come? Innanzitutto definendo 4 fattori fondamentali.

Scegliere il giusto nome utente.

Il nome utente è il solo elemento davvero unico che possiamo avere su questo social.

Usiamo sempre il nome del nostro personal brand quindi o il nostro nome & cognome (o cognome & nome) oppure il nome del nostro marchio.

Scegliere un’immagine del profilo.

Deve essere accattivante e interessante. Ad esempio un nostro primo piano in rilievo, rispetto allo sfondo.

Scegliere un nome.

Nel tuo nome (o nel nome del tuo brand) è importante che ci sia una keyword in grado di posizionarti (in ottica SEO) nel panorama di Instagram. Così tutti gli utenti che cercheranno quella qualifica o quel servizio nella barra di ricerca del social troveranno anche te.

La nostra parola chiave deve essere ovviamente collegata alla nostra nicchia di riferimento.

Ottimizzare la nostra bio.

Aiuto ABC a fare ABC.

Alla fine della bio è fondamentale inserire sempre una call to action (un invito a scriverci, a seguirci su Instagram e via dicendo…).

Seconda fase: crea.

Definiamo i nostri contenuti, quelli che andremo a creare per il nostro pubblico.

Deliniamo il nostro piano editoriale che ci permetterà di crescere giorno per giorno.

Se non lo facciamo con cura: non vedremo mai crescere il nostro pubblico, non ci posizioneremo mai come esperti e i nostri follower non si trasformeranno mai in clienti.

Cosa rende un contenuto veramente efficace?

Il contenuto stesso.

Come impostare il nostro piano editoriale correttamente?

Rispondendo a queste domande:

  • quale tema voglio trattare nella mia pagina Instagram?

Ogni nicchia può avere interesse per diverse tematiche. Scegliamo quindi 3 / 4 argomenti per attirare le persone che compongono la nostra nicchia sulla nostra pagina Instagram.

  • Come voglio presentare questi contenuti?

In quale formato? Carosello, foto singola, video, reel. All’inizio possiamo utilizzare tutti i formati a disposizione, per sperimentare e comprendere quale funziona meglio con la nostra audience.

  • Quando e quanto voglio pubblicare i miei contenuti?

L’importante è mantenere l’impegno preso (con il nostro piano editoriale), va bene anche pubblicare un contenuto una volta a settimana (per cominciare). Per arrivare poi a una media di due / tre post a settimana. L’importante è essere costante!

  • Con quale obiettivo voglio pubblicare i miei contenuti?

Educare, ispirare, vendere, crescere…

Educare: contenuti (free) che mirano a insegnare qualcosa ai nostri follower. Di solito sono in formato carosello e hanno un forte “gancio” nella prima immagine. Nella seconda indichiamo il problema dei nostri follower (che vogliamo risolvere). Nella terza esponiamo la soluzione al problema e nella quarta mettiamo un invito all’azione (ad esempio l’invito a lasciare un commento al carosello o a cliccare su mi piace se il carosello è stato utile).

Ispirare: motivare la nostra audience al cambiamento. Si tratta di contenuti che raccontano la nostra storia, portando le persone dentro al nostro cambiamento e motivandole a seguire il nostro esempio. Ad esempio puoi raccontare il tuo prima e il tuo dopo.

Vendere: parola chiave spingere all’acquisto. Contenuti che hanno l’obiettivo di promuovere un nostro servizio o prodotto. Un metodo molto efficace di farlo è mostrare la reazione (positiva) dei nostri clienti che hanno già acquistato un nostro prodotto o usufruito di un nostro servizio.

Crescere: contenuti che mirano a “rompere” l’algoritmo di Instagram. Ci permettono di ottenere una sovraesposizione del nostro post, facendoci ottenere molta più visibilità rispetto a quella che Instagram ci dà solitamente. Ad esempio i Freebie: contenuti che promuovono un contenuto gratuito e unico che noi diamo ai nostri follower in cambio di un’azione (come il seguirci sul profilo).

Photo by Georgia de Lotz on Unsplash

La strategia più efficace per crescere su Instagram

Sicuramente quella che ci ha indicato il CEO del social, Adam Mosseri:

Reels è uno spazio pensato per il tuo intrattenimento. Proprio come in Esplora, la maggior parte di quello che vedi proviene da account che non segui. Di conseguenza, seguiamo una procedura molto simile quando cerchiamo dei reel che potrebbero piacerti, ordinandoli quindi in base a quanto riteniamo siano interessanti per te.

I Reels quindi servono per farci trovare da persone nuove che ancora non ci conoscono e non conoscono i nostri prodotti e servizi.

Linee guida per un reel virale:

  • Deve seguire la struttura gancio / valore / call to action (ad esempio “seguimi per altri consigli”).
  • Deve intrattenere le persone, devono fermarsi e avere piacere nel guardare il tuo reel.
  • Non deve contenere il watermark di Tik Tok.
  • Deve avere una buona qualità.
  • Se creato utilizzando la musica “popolare” potrebbe ottenere più views rispetto agli altri. In quanto l’algoritmo di Instagram tende a consigliare di più i contenuti che includono i trend del momento.

Come monetizzare su Instagram:

  • Coaching o vendita di prodotto digitale.
  • Prodotto fisico.
  • Fondo Creator Instagram: il social ci paga per andare in diretta, fare Reels e caricare contenuti sulla IGTV. Però dobbiamo richiedere al nostro pubblico di farci donazioni, ad esempio se facciamo una diretta, e per ricevere questi bonus dobbiamo soddisfare i requisiti minimi imposti dall’applicazione.
  • Collaborazioni: le aziende ci pagano per promuovere il loro prodotto / servizio al nostro pubblico.

Ognuno di noi ha delle conoscenze: la cosa più efficace e conveniente è quindi vendere le tue conoscenze.

Come monetizzare fin da subito su Instagram:

  • E-book, la cosa più facile e immediata che puoi realizzare.
  • Coaching, la seconda cosa più pratica da fare.
  • Corsi digitali, una fase un po’ più avanzata rispetto alle prime due.

Bisogna innanzitutto chiedersi: cosa posso insegnare alla mia nicchia di riferimento? Facciamo una lista di idee e poi ci chiediamo: in cosa posso trasformarle? In un e-book? In coaching one-to-one? In corsi digitali?

Ricordati che le persone acquistano un cambiamento, non un’informazione.

Instagram è il mezzo non il fine.

Ora non ti resta che iniziare a creare!

Buon lavoro e, se ti va, raccontami qui il tuo percorso su Instagram.

Cover Photo by Benyamin Bohlouli on Unsplash

Articoli Correlati

"Cha Cha Real Smooth" e come l’ennesima rom-com riuscirà ad entrare inaspettatamente nel vostro cuore

"Cha Cha Real Smooth" e come l’ennesima rom-com riuscirà ad entrare inaspettatamente nel vostro cuore

Provate a mettere insieme Apple Tv+ e il Premio del Pubblico al Sundance Film Festival. Cosa otterreste? Ve lo dico…
"Elvis" di Baz Luhrmann

"Elvis" di Baz Luhrmann

“Il Re è tornato”. Baz Luhrmann torna al cinema con la grande ambizione di raccontare l’ascesa di Elvis Presley, conosciuto…
Andare in Giappone al tempo del Covid (e della guerra)

Andare in Giappone al tempo del Covid (e della guerra)

In questi anni in cui il mondo è alle prese con la pandemia, viaggiare all’estero non è certo semplice. Ultimamente,…

Contenuti