Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Venezia78: “Spencer” di Pablo Larraìn

Pablo Larrain, dopo Jackie, film focalizzato sulla figura della vedova di John Fitzgerald Kennedy, ritorna con un altro biopic mostrandoci un ritratto struggente, ma allo stesso tempo delicato e profondo di una donna che, ancora oggi, è una delle più importanti icone femminili della storia: Lady Diana.

In concorso alla settantottesima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, Larrain con il suo ultimo film Spencer, ci racconta in due ore un momento particolare della vita di Diana: la preparazione della cena durante la vigilia del Natale del 1999 presso la tenuta della regina Sandringham House nel Norfolk.

La storia è focalizzata su i tre giorni (24,25 e 26 dicembre) che, come da tradizione, vanno trascorsi con tutta la famiglia unita.

Kirsten Stewart in “Spencer” di Pablo Larraìn

Ciò che vediamo ci viene mostrato attraverso lo sguardo della protagonista: uno sguardo sofferente di una donna tradita dal proprio marito e di una principessa infelice.

Diana è una donna fragile, sola, in cerca, invano, di una via d’uscita da quelle mura dorate. Diana si sente inadeguata e prigioniera di un mondo che non sente e non ha mai sentito suo.

Durante la permanenza a Norfolk le viene in mente il suo passato e lo confronta con il suo presente: capisce così che con la Famiglia Reale non esiste per lei nessun futuro ma, che il passato e il presente, in quel luogo, sono una cosa sola che la imprigionano in una serie di regole da seguire.

Regole che distruggono lentamente la protagonista facendola cadere in un abisso fatto di disturbi alimentari, solitudine e auto-lesionismo.

Tutto questo viene presentato senza nessun tipo di effetto speciale o retorica.

Larrain riesce a catturare perfettamente l’essenza e l’animo di Diana attraverso scene di quotidianità e momenti di vita apparentemente insignificanti.

Con Spencer lo spettatore riesce facilmente ad entrare in empatia con la figura di Diana e a percepire ogni suo disagio. riuscendo però solo a stare fermo e impotente di fronte ad una magnifica tragedia.

Ludovica Casula
Ludovica Casula si è laureata in "Didattica e Comunicazione dell’Arte" presso l’Accademia di Belle Arti di Roma e ha frequentato la Magistrale di "Teatro, Cinema, Danza e Arti Digitali" presso l'Università, La Sapienza. Inoltre, ha frequentato il corso di specializzazione in "Fashion Photography" presso lo IED, con sede a Roma. Fin da piccola coltiva la passione per le arti, in particolare per il cinema e la fotografia. Affascinata da tutti gli ambiti che abbiano a che fare con il “dietro le quinte” del cinema, dopo varie esperienze lavorative e non, ha aperto la sua rubrica “Onefilm.Oneday” attraverso la quale commenta e consiglia film per avvicinare le persone alla settima arte. Inoltre, durante i suoi viaggi, realizza reportage fotografici personali in linea con lo stile prediletto, la Street Photography. Successivamente, si è appassionata di ritratti fotografici di impronta artista, alla cui base ci sono le esperienze maturate con lo studio, di cui ne fa il proprio lavoro. Altri interessi pregnanti sono la letteratura e la musica, che vengono proposti sui suoi profili social.

Articoli Correlati

Microrobot batterici: il futuro della robotica per sconfiggere il cancro

Microrobot batterici: il futuro della robotica per sconfiggere il cancro

Batteri modificati con elementi artificiali, controllabili a distanza grazie a campi magnetici: sono in grado di invadere il tessuto tumorale…
Apolide Festival 2022: Nature, Music and Circus

Apolide Festival 2022: Nature, Music and Circus

Quattro giorni no-stop immersi nella natura, tra i boschi nel cuore del Piemonte. Un’esperienza unica e magica, un viaggio tra…

Contenuti