Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

“Le Fate Ignoranti”: La Serie di Ferzan Özpetek

A distanza di vent’anni dall’omonimo film, Özpetek ripropone le sue Fate Ignoranti con un adattamento in chiave più moderna.

Dal 13 aprile, sulla piattaforma streaming Disney+, è disponibile la serie de Le Fate Ignoranti, adattamento in chiave più moderna dell’omonimo film del 2001 di Ferzan Özpetek. La serie composta da un totale di otto episodi riprende la trama del lungometraggio: Antonia (Cristiana Capotondi), donna borghese, è innamorata di suo marito Massimo (Luca Argentero). Quando quest’ultimo perde la vita in un incidente stradale, Antonia scopre che l’uomo aveva una relazione con un giovane ragazzo di nome Michele (Eduardo Scarpetta). Devastata dalla notizia, la donna si ritrova a indagare sulla vita segreta del marito e si ritrova a stringere un’amicizia inaspettata e coinvolgente con Michele e il suo gruppo di amici eccentrici che per Massimo erano quasi una seconda famiglia.

Özpetek ci ripropone la stessa storia ma in maniera differente, approfondendo alcuni aspetti che nel film venivano solo accennati, complice la possibilità data da una maggiore lunghezza del racconto. Viene sviluppata la storia d’amore tra Massimo e Michele che nel film serviva solo come prologo per l’incontro tra Antonia e l’amante del marito. Massimo come personaggio ha molto più spazio, infatti, il pubblico riesce a capire bene il rapporto sia con la moglie, sia con Michele. Infine la storia non viene raccontata solo dal punto di vista di Antonia ma i punti di vista sono molteplici e le storie di ciascuno vengono approfondite.

In questo modo il mondo creato da Özpetek si mostra in tutta la sua varietà: due mondi contrapposti, quello di Antonia e di Michele, che si incontrano, generando nuove amicizie e nuove prospettive. 

Cristiana Capotondi e Luca Argentero in una scena della serie “Le Fate Ignoranti”, diretta da Ferzan Özpetek e ideata con Gianni Romoli, distribuita da Star (Disney+)

Ne Le Fate Ignoranti è come se tutti i personaggi facessero parte di un’unica famiglia e uniti da una logica: quella di essersi scelti e aver deciso di condividere la propria vita insieme, accettandosi come si è. La serie, oltre a narrare di dinamiche di coppia o del gruppo familiare, indaga su tematiche come il lutto e l’accettazione del dolore, dosando il giusto equilibrio tra profondità e leggerezza, dramma e farsa. 

Luca Argentero ed Eduardo Scarpetta in una scena della serie “Le Fate Ignoranti”, diretta da Ferzan Özpetek e ideata con Gianni Romoli, distribuita da Star (Disney+)

Ma la cosa più importante che possiamo dedurre nel guardare la serie di Özpetek è come, a distanza di vent’anni dall’omonimo film, il tempo abbia cambiato il modo di pensare delle persone. Se l’opera del 2001 mostrava una comitiva di gay, lesbiche, trans e la scoperta da parte di una moglie che il suo defunto marito la tradiva con un uomo causava uno scandalo, ora si assiste all’unione civile tra persone dello stesso sesso e alla possibilità di rivendicare finalmente i propri diritti. 

Le Fate Ignoranti risulta essere così un’opera che fa della passione e dell’amore la sua base di partenza e di arrivo.

Le Fate Ignoranti è una serie televisiva diretta da Ferzan Özpetek e ideata con Gianni Romoli, come reboot del suo omonimo film, scritta con Carlotta Corradi e Massimo Bacchini.

Ph Cover: Cristiana Capotondi, Luca Argentero ed Eduardo Scarpetta in una scena della serie “Le Fate Ignoranti”, diretta da Ferzan Özpetek e ideata con Gianni Romoli, distribuita da Star (Disney+)

Ludovica Casula
Ludovica Casula si è laureata in "Didattica e Comunicazione dell’Arte" presso l’Accademia di Belle Arti di Roma e ha frequentato la Magistrale di "Teatro, Cinema, Danza e Arti Digitali" presso l'Università, La Sapienza. Inoltre, ha frequentato il corso di specializzazione in "Fashion Photography" presso lo IED, con sede a Roma. Fin da piccola coltiva la passione per le arti, in particolare per il cinema e la fotografia. Affascinata da tutti gli ambiti che abbiano a che fare con il “dietro le quinte” del cinema, dopo varie esperienze lavorative e non, ha aperto la sua rubrica “Onefilm.Oneday” attraverso la quale commenta e consiglia film per avvicinare le persone alla settima arte. Inoltre, durante i suoi viaggi, realizza reportage fotografici personali in linea con lo stile prediletto, la Street Photography. Successivamente, si è appassionata di ritratti fotografici di impronta artista, alla cui base ci sono le esperienze maturate con lo studio, di cui ne fa il proprio lavoro. Altri interessi pregnanti sono la letteratura e la musica, che vengono proposti sui suoi profili social.

Articoli Correlati

37° Romaeuropa Festival, dall'8 settembre al 20 novembre 2022 in 18 spazi di Roma

37° Romaeuropa Festival, dall'8 settembre al 20 novembre 2022 in 18 spazi di Roma

Credere fermamente che un futuro diverso sia ancora possibile e che lo si possa costruire attraverso il dialogo e il…
"Nabbovaldo e il ricatto dal cyberspazio": il videogioco per imparare la Cybersecurity

"Nabbovaldo e il ricatto dal cyberspazio": il videogioco per imparare la Cybersecurity

Presentato al RomeVideoGameLab, “Nabbovaldo e il ricatto dal cyberspazio”, videogioco per imparare la Cybersecurity. Il gaming in classe ora diventa…
Come arrivare a proporre idee a case di produzione cinematografica importanti

Come arrivare a proporre idee a case di produzione cinematografica importanti

Quora è una piattaforma di domande e risposte per condividere e accrescere la conoscenza nel mondo, un modo per connettersi con…

Contenuti