Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

“K18 Leave-in Molecular Repair Hair Mask”: la maschera capelli “miracolosa” che vuole spodestare Olaplex

Promette capelli nuovi in soli 4 minuti e spopola su TikTok con recensioni stellari.

Più i capelli sono danneggiati, maggiori saranno i risultati, promette il sito del produttore: insomma fa proprio al caso mio.

Nell’ultimo anno i miei capelli hanno sopportato di tutto! Colorazioni, schiariture, styling selvaggi settimanali, quindi oggi sono sfibrati e secchi: non riesco a rimediare neanche tagliandoli regolarmente.

Questa maschera promette di ricostruire la struttura dei capelli restituendo forza, elasticità e resistenza anche alle chiome più strapazzate (come la mia in questo momento).

Fino ad ora, i prodotti per la cura dei capelli hanno nascosto i danni; i trattamenti condizionanti ricoprono i capelli di oli, apportando idratazione superficiale e lucentezza, mentre i trattamenti di riparazione agiscono come applicando una colla interna – fragile a lungo andare – fornendo solo risultati temporanei che vanno via lavaggio dopo lavaggio.

 K18 è il primo prodotto che cura i capelli dall’interno verso l’esterno.

Recita il sito ufficiale del brand.

Prima di usare la maschera, ovviamente mi sono informata: innnanzitutto è vegan, color safe e cruelty-free.

Formulata da un’azienda americana, la K18 Mask si avvale di “scienza biomimetica” e ha 10 anni di solida ricerca alle spalle. A differenza di altri prodotti, non si adagia sulla superficie del capello con effetti passeggeri: grazie al brevettato peptide K18, una sequenza di aminoacidi che ha la capacità di navigare fino agli strati più profondi del fusto, ricostruisce le catene di cheratina spezzate, e ricompone a lungo termine la struttura del capello, ripristinando fino al 94% della resistenza e elasticità originale.

Disponibile in 3 formati (io ho scelto quello da 50 ml), la maschera è leave-insenza risciaquo, e va usata all’inizio per un ciclo di 4-6 lavaggi consecutivi, poi ogni 3-4 lavaggi, per il mantenimento. 

L’effetto è cumulativo: i risultati benefici dovrebbero essere visibili soprattutto dal secondo lavaggio in poi.

Quando ho avuto il prodotto tra le mani, avevo fatto lo styling il giorno prima ma non ho resistito.

Non ero molto soddisfatta dei risultati del mio Wash Day, i capelli avevano risentito dell’umidità nella giornata ed erano un po’ crespi, elettrici in alcuni punti, in generale appesantiti. Così ho preso una piccola quantità di prodotto e l’ho massaggiata sui capelli asciutti poi li ho spazzolati.

I capelli sono diventati più morbidi e più lisci, lo styling mediocre è decisamente migliorato.

Primo lavaggio: 19 aprile 2022

Seguendo le istruzioni del brand, lavo i capelli con lo shampoo ma senza mettere il balsamo né un’altra maschera o un conditioner.

SENZA è fondamentale! Il capello deve essere pulito da ogni strato lipidico e le cuticole poco adese.

Sui capelli umidi, tamponati bene con l’asciugamano, applico tre dosi di prodotto su tutte le lunghezze, partendo dalla parte più danneggiata (le punte). Ho i capelli molto folti e di lunghezza media, la quantità di prodotto varia a seconda della lunghezza e del tipo di capello. Passo il pettine a denti larghi, con delicatezza, per distribuire meglio il prodotto. Aspetto i 4 minuti indicati, applico un protettore per lo styling e procedo con spazzola e phon. Quando i capelli sono asciutti, li sento morbidissimi e profumatissimi. Luminosi, zero effetto crespo e zero elettricità.

La piega effettuata in questo modo resta bella per diversi giorni.

Secondo lavaggio: 23 aprile 2022

Le mie aspettative sono alte: è dopo questo lavaggio che dovrebbe avvenire il miracolo. 

Dopo cinque giorni dal precedente wash day, i capelli sono ancora belli. Nonostante abbiano dovuto sopportare due giorni di pioggia e una lezione di pilates!

Lavo i capelli, niente conditioner, e applico di nuovo il prodotto sui capelli umidi (prima tamponati con un asciugamano in microfibra).

Li asciugo all’aria aperta, in giardino. Quando i capelli sono asciutti, li sento di nuovo morbidissimi e profumatissimi. Luminosi e, al tatto, più corposi e forti.

Terzo lavaggio: 26 aprile 2022

Stavolta porto la maschera con me dal parrucchiere e gli chiedo di applicarla: asciughiamo i capelli con phon e spazzola tonda e il risultato finale è decisamente ”wow”.

I miei capelli, sempre più splendenti, sono al tatto morbidi e setosi: hanno un aspetto sano, corposo e vigoroso. Lo stesso parrucchiere rimane stupito dall’efficacia del prodotto. 

Quarto lavaggio: 28 aprile 2022

Di nuovo porto la maschera con me dal parrucchiere, lui stesso è curioso di sperimentarla nuovamente. Di nuovo, il risultato è splendido.

Miracolosa? Non voglio esagerare, però posso confermare che questa maschera è di gran lunga la migliore che abbia mai provato (fino ad oggi).

Quindi continuerò ad utilizzarla, alternandola con gli altri prodotti che sono diventati i “migliori amici” dei miei capelli.

Se la utilizzi anche tu, raccontami qui (nei commenti al post) la tua opinione in proposito.

Have a nice wash day! 😉

Articoli Correlati

Microrobot batterici: il futuro della robotica per sconfiggere il cancro

Microrobot batterici: il futuro della robotica per sconfiggere il cancro

Batteri modificati con elementi artificiali, controllabili a distanza grazie a campi magnetici: sono in grado di invadere il tessuto tumorale…
Apolide Festival 2022: Nature, Music and Circus

Apolide Festival 2022: Nature, Music and Circus

Quattro giorni no-stop immersi nella natura, tra i boschi nel cuore del Piemonte. Un’esperienza unica e magica, un viaggio tra…
Esperto SEO: come riconoscere un professionista serio

Esperto SEO: come riconoscere un professionista serio

Quora è una piattaforma di domande e risposte per condividere e accrescere la conoscenza nel mondo, un modo per connettersi con…

Contenuti